Incontro con Sara Rattaro – 23 marzo alla presentazione di “L’amore addosso” da Mondadori, Genova.

lamoreaddossoIeri c’è stata la presentazione del libro “L’amore addosso” di Sara Rattaro, un autrice che a Genova è proprio di casa. Un’autrice di cui il successo ogni anno cresce sempre di più.
Eravamo alla Mondadori Store di Via XX Settembre, l’appuntamento era alle 18, ma l’autrice era già lì mezzora prima! Infatti alle 18.02 parlava già al microfono e scherzava sulla puntualità impeccabile. Una cosa che non ho mai visto con nessun autore.

Innamorarsi di Sara credo sia impossibile. E’ una bella donna, affascinante ma sopratutto è un piacere sentirla parlare. E’ una donna come tante, e ti fa sentire a tuo agio. Racconta che prima di cominciare a scrivere era una donna irriqueta, come lo siamo tutte finchè non troviamo veramente una cosa nostra nella vita, come lo è stato per lei con la scrittura. Una volta che ha cominciato a scrivere ha trovato il suo posto in questa vita. Scherza che ora non potrebbe essere così, perchè il giorno prima era andata in radio DeeJay e ha capito voler fare la speaker.

20170323_184218Si è parlato del suo inizio carriera, dove abbiamo conosciuta la responsabile della libreria Marina, che ha raccontato di come si sono conosciute con Sara, di come da perfetta sconosciuta in un certo senso l’ha vista crescere, ed ora tra le due c’è tanto affetto. Sara ha raccontato che non è facile al inizio, ha ripetuto più volte “Chi compra un libro di un autore del tutto sconosciuto? Di una casa editrice sconosciuta?”, che ci vuole forte speranza, e tanto lavoro dietro le quinte, come andare in una libreria e chiedere della responsabile per parlarne del suo libro. Proprio così si sono conosciute con Marina.
In effetti il suo primo libro “Sulla sedia sbagliata” in prima edizione non mi è mai capitato sotto gli occhi, una volta dopo, è stato ristampato con la casa editrice Garzanti, 20170323_181009completamente con una nuova immagine. Però. Il secondo libro “Un uso qualunque di te” pubblicato nel 2012, correggetemi se sbaglio, ma l’autrice era sempre agli inizi, tanto che, mi ricordo il libro si vendeva autografato probabilmente per attirare l’attenzione. E forse ha funzionato, o forse ed è più probabile, fui catturata del tutto dal titolo. Mi sono buttata sul libro sperando di trovare me stessa nella storia. Così non è stato, anzi, dirò l’avevo trovato anche molto, come dire, non trovo la parola giusta.. Molto.. Molto.. Forse in qualche modo esagerato. Ora vorrei proprio rileggerlo, per vedere che effetto mi fa dopo 5 anni. In 5 anni anni si cambia molto. E leggerò altre opere dell’autrice, di cui già qualche titolo ce l’ho presente come “Splendi più che puoi”, ed adesso anche il libro appena pubblicato “L’amore addosso”.

Maggior parte delle persone erano le donne, ma l’autrice dice che ci sono anche gli uomini, ma rimangono nascosti, forse un pò meno social, forse semplicemente più riservati, ma molti scrivono in privato per dire il loro grazie.

L’incontro è stato molto bello, solare e… breve! Sarei stata ad ascoltare l’autrice ancora un pò. Ma quando è toccato al pubblico a fare le domande tutti sono stati molto timidi.

Le foto del evento se trovate sulla pagina facebook di Shelf of words .

IMG_20170323_185945656

Recensione “Parlare a raffica” di Lauren Graham

parlare_a_raffica

Autore: Lauren Graham
Titolo originale: Talking as fast as I can
Casa editrice: Sperling & Kupfer
Data pubblicazione: 29 novembre 2016

“Ma come? Quella del telefilm ha scritto un’altro libro?” Eh già, Lauren Graham famosa per il suo ruolo di Lorelai Gilmore nella serie “Una mamma per amica” ha scritto il suo secondo libro, e stavolta si tratta di una sua biografia.

Attrice, produttrice, scrittrice di romanzi, Lauren Graham ha deciso di raccontarsi al pubblico a modo suo: lasciandosi andare, parlando alla velocità della luce proprio come farebbe Lorelai Gilmore di Una mamma per amica, il suo personaggio preferito che tanto le somiglia. In questo libro l’attrice preme il pulsante «pausa» per riguardare la sua vita con quello stile frizzante che conosciamo e raccontarci storie divertenti sulla sua adolescenza, dall’infanzia in Giappone al legame con il padre, sulle dure sfide che ha affrontato a Hollywood (le chiesero anche di far fare un provino al suo sedere), sulla sua esperienza sul set di Parenthood o come giudice di Project Runway. E, naturalmente, ci svela i dietro le quinte della serie televisiva che più ha amato e che l’ha resa celebre. Come in una lunga maratona di Una mamma per amica, Lauren rivela tutto ciò che c’è da sapere sul suo personaggio, sullo show e sulle nuovissime puntate, racconta dei rapporti con i membri del cast e riporta estratti del diario che l’attrice ha tenuto durante le riprese dei quattro episodi dell’ottava stagione, Una mamma per amica: di nuovo insieme. Un libro imperdibile per tutti i fan della serie, per chi ha amato Lauren e vuole tornare a ridere con le sue avventure/disavventure, ma soprattutto per chi sente la mancanza di Lorelai Gilmore.

Il libro è uscito contemporaneamente con America, la cosa mi sorprende, e mi rende tanto felice. Sapevo del libro già da mesi, e avevo paura che in Italia potessero anche non pubblicarlo. Ho scritto alla casa editrice, ma sono stata ignorata. E poco dopo è uscita la notizia della pubblicazione. Non si poteva aspettare neanche un attimo in più, il momento perfetto era proprio ORA, con le nuove puntate appena uscire di “Una mamma per amica: di nuovo insieme” grazie a Netflix.

Essendo una biografia tutto ovviamente ha inizio dall’infanzia di Lauren, di come rimase a vivere col padre e di come viaggiarono tanto. Fino al momento quando decide di diventare attrice. In questa parte ricorda molto il suo primo libro “Un giorno, forse”, che per quanto non sia la sua vera storia, è ovvio che il personaggio di Franny è ispirato alle esperienze vissute da Lauren. parlare-a-raffica_cover-with-me
Per molti tutto diventerà più interessante quando arriverà a parlare del inizio della serie che l’ha resa famosa “Una mamma per amica”. Racconta tutto, scherzando con il lettore, rivolgendosi a te, e pregando di non raccontare alcuni segreti che svela =)  E’ bellissimo fare un tuffo nel passato insieme a Lauren, dare un’occhiata a tutte le 7 stagione. Per parlare delle puntate Lauren ha dovuto fare una maratona di tutta la serie, ed era la prima volta per lei, perchè non guarda mai il lavoro fatto. E’ divertente come annota delle cose ormai “antiche” che non ci sono più nel 2016, e solo 10 anni fa erano di un uso normale. Riflette molto su come cambiano le cose… e come lei è rimasta molto indietro.

E si scopre una donna straordinaria che è lei. Una donna come tante, che ha dovuto lottare per arrivare fino a dov’è adesso, e di come è consapevole che tutto domani potrebbe svanire. Parla delle Donne, e invita a non mollare mai in questo mondo così sessista. Non perdere tempo dietro alle diete, sopratutto dice di non comprare i libri che parlano di quello “Tanto, sono tutti uguali”. E di come, non è facile trovare l’amore, di come alla sua età si è trovata a inventare delle storie da raccontare ai giornalisti, e di come la gente la fermava e diceva che l’amore lei lo troverà. Parla di Peter, che da 6 anni è il suo compagno, e del loro passato. Scherza sul fatto che sarebbe stato bello saperlo già tanti anni fa che sarebbero finiti insieme, ma capisce anche che non è possibile, e la vita bisogna viverla. E ho amato l’anziana signora Jackson che Lauren si è inventata, che è tutta da scoprire.

Per i fan della serie questo libro è imperdibile.
Mi ha fatto venire gran voglia di rivedere il telefilm sin dalla prima puntata.

gilmore-girls-revival

“Ho sognato di te”

ho sognato di te
Autore:
Ben Sherwood
Titolo originale: “The death and life of Charlie St. Cloud”
Casa editrice: Sperling & Kupfer (collana Paperback)
Anno pubblicazione: 2004 / 2007

Curiosità: Il libro per la prima volta in Italia fu pubblicato con casa editrice Frassinelli nel 2005, sempre con lo stesso titolo.

Trama: Ho sognato di te… Di questo vuole convincersi Charlie St. Cloud quando cercando Tess, la ragazza con cui ha appena passato una notte d’amore, scopre in realtà… che è dispersa in mare da diversi giorni. Vuole convincersi di averla solo sognata perché l’alternativa sarebbe terribile. Da quando è scampato all’incidente in cui ha perso il fratellino Sam, Charlie possiede infatti un dono straordinario: vedere le persone in transito fra la terra e l’aldilà. E nel villaggio dove vive, sulla costa del Massachusetts, il suo compito è mostrare con dolcezza la via verso la luce a chi vaga disorientato fra il qui e l’altrove. Solo una presenza torna sempre da lui: il piccolo Sam, con cui ha appuntamento ogni sera, al crepuscolo. Mancarlo significherebbe perderlo definitivamente. I giorni di Charlie scorrono così tutti uguali, ancorato com’è alla cittadina sull’oceano da un potere tanto prezioso quanto vincolante. Ma l’incontro con Tess ha spezzato la sua surreale routine. Esuberante, coraggiosa, aperta, lei progettava di fare il giro del mondo in solitaria con la sua barca a vela. Di fronte a tanta sete di vita e di grandi orizzonti, l’uomo ha messo in discussione tutta la propria esistenza, e ora non può accettare che anche Tess gli sia stata strappata. Decide quindi di non assecondarla nel viaggio finale, ma di trovarla a qualunque costo, ovunque lei sia…

E’ un libro che ho acquistato veramente tanto tempo… da non ricordare nemmeno quando! Visto la mia edizione direi nel 2010, e vagando con gli occhi sui scaffali, come prossima lettura avevo scelto questo libro.  In copertina Nicholas Sparks afferma che “Questo libro vi farà commuovere, sperare e riflettere… Leggetelo.” Ora che l’ho letto?ho sognato di te_frassinelli

Parto già polemica perchè la trama del romanzo non è corretta. Perchè quando Charlie fa l’amore con Tess, sa benissimo che lei è uno spettro! (anzi, proprio per questo fa l’amore con lei, perchè non sa se la ritroverà, ma non vuole perdere questo il momento di stare con lei). In più… c’è praticamente tutto il romanzo nella trama, mancano giusto 2 paginette del finale!

Di se per sè, l’idea non sarebbe neanche male.
Ma il libro è scritto in un modo molto banale. E’ leggero, scorrevole. Non ho visto tutto questo dolore del protagonista per aver perso il fratello. Scrivere “stava male” non basta. Forse molte persone sono state sconvolte dell’argomento della morte di quale si parla; del ambientazione che è il cimitero. (Ho apprezzato molto l’ambientazione, e il comportamento del protagonista ed i suoi incontri con altri spettri e la sua decisione fare il guardiano del luogo).Ma io non sono riuscita ad emozionarmi in una nessuna parola letta. Anzi, ridevo, mentre molti magari si commuovevano.

E nonostante tutto, non dico che sia un libro da evitare, assolutamente no. Siamo tutti diversi, e probabilmente se l’avessi letto appena acquistato l’avrei potuto anche amare. Ero più sognatrice, ero più innamorata? O forse negli anni semplicemente ho letto molti libri, e questo stile non fa per me.

Curiosità: Ancora prima che il libro venisse pubblicato i suoi diritti cinematografici sono stati venduti!

Film: Il fim porta il titolo diverso, si chiama “Segui il tuo cuore”, uscito in Italia a gennaio del 2011 (non ricordo nemmeno questo evento). Il protagonista Charlie è interpretato da Zac Efron.

ho sognato di te_film

La festa del Gatto

Ogni 17 febbraio si festeggia la giornata internazionale del animale domestico a cui io personalmente non resisto. Amo tutti i gatti su questa terra. Il problema che li vorrei anche tutti.. Ma per ora vivo con la mia principessa, e quale  strapazzo di coccole ❤ io sono gatto

Nel mondo dei libri esistono molto libri al riguardo.

Il più esilarante forse è “Io sono gatto”, la storia che viene raccontata direttamente dal gatto. Come fa a non incuriosire? E’ un romanzo del 1905, il primo dello scrittore giapponese Natsume Sōseki.

Le zampe dei gatti, ovunque si posino, sono così silenziose che non tradiscono mai la loro presenza, quasi calpestassero il cielo o le nuvole. Sono come un gong suonato sott’acqua o un koto pizzicato in una grotta, sono l’intuizione muta e immediata delle delizie della vita.

a spasso con bob“A spasso con Bob” di James Bowen. Ho amato tantissimo questo romanzo. Si tratta di una storia vera, con un passato molto oscuto, in cui il personaggio ha problemi con la droga, anche se cerca di riprendere la vita, ha molte difficolta. E le racconta in questo libro, raccontando come incontro con un gatto gli ha cambiato la vita. Non è stato James a scegliere Bob, ma è stato Bob a scegliere James. E’ stato proprio Bob a regalarli la seconda vita.
In Italia ha avuto tanto successo solo il primo libro, mi ricordo benissimo quando ne parlavo tutti i notiziari. E poi hanno dimenticato completamente di loro. Mentre in Inghilterra James e il gatto Bob continuano ad avere successo. L’autore ha pubblicato il libro parlando di Bob con le immagini, è stato rescritto il primo libro apposta per i bambini. E sotto Natale un libro a tema non poteva mancare. Magari un pò troppo commercializzato, può essere. Ma se è una bella storia, magari da cui si possa imparare, perchè no?

“Il gatto venuto dal cielo” di Hiraide Takashi pubblicato da Einaudi.

Un gatto entrò nella loro vita. E la cambiò per sempre. Chibi si autoinvita nella cucina di una coppia che sembrava non avere più nulla da dirsi, e come una brezza dolce e scatenata spazza via i silenzi che dividevano marito e moglie. Giorno dopo giorno, le visite della piccola ospite – Chibi rifiuterà sempre di farsi adottare: è uno spirito libero lei! – regalano gioie nuove, scoperte continue, un modo diverso di prendersi cura l’uno dell’altro. Hiraide Takashi ha saputo raccontare con il passo enigmatico e saggio dei gatti la splendida storia di un amore ritrovato.

E’ un libro presente nella mia libreri, ma ancora lo devo leggere.

“Il mio gatto, io e il senso della vita”di Yoonjo Kwon.

“Il mio gatto ha una qualità particolare: è un gatto tigrato, carino da disegnare, un gatto che somiglia stranamente… be’, a nessun altro gatto. Come tutti i gatti, è unico. Lui e io, io e lui; siamo inseparabili. Il mio gatto è già stato l’eroe di un libro, “Il mio gatto ha sempre ragione”. Ma questa volta si parte, direzione New York: nuovo appartamento, nascondigli sconosciuti, topi americani, volatili appetitosi, scoiattoli dispettosi, gatti amici e gatti nemici… Insomma, ecco la vita…”

il mio gattoE’ un libro illustrato in cui ci sono i disegni della vita quotidiana dell’autore e del suo gatto, e anche le foto che gli è riuscito a scattare. Io non ho resistito al infinita dolcezza di questo libro.

Di recente ho acquistato il nuovo libri di Garzanti “Il gatto che aggiustava i cuori” di Rachel Wells. Lo ammetto, difficilmente resisto al gatto in copertina ❤

il gatto che aggiustava i cuoriAltri titoli presente in casa mia:
“Lo sen del gatto”
“Perché il mio gatto fa così?” domande a cui non troviamo la risposta la troviamo qui.
“Le più belle storie di gatti” non vedo l’ora di scoprirle.
“Il vecchio e il gatto” un romanzo che non ho amato particolarmente, anche se la storia non è male, ma l’ho letto con difficoltà. Forse perché non vi ho trovato nulla di nuovo?
“Gattini” un bel libro con solo fotografie dei mici *.*
“1001 da sapere e fare con il tuo gatto” un libro enorme e stupendo!!!

Ovviamente alla ricerca di altri titoli validi.

Mew!